Sede via della Lucchina 47 G-H Roma email pianopartecipato@libero.it Leggi qui: Lo Statuto


martedì 29 maggio 2012

Prolungamento Metro A Battistini-Torrevecchia

Il 6 giugno si parla di Metro A e del suo prolungamento. Riteniamo opportuno diffondere la notizia così come ci è stata recapitata
ECCO IL LINK

lunedì 28 maggio 2012

Raccolta differenziata, il Municipio 19 arranca...

Una riunione con l'Ama e con i comitati di quartiere e le associazioni servirà forse a conoscere la situazione dei rifiuti nel nostro Municipio. Con la lettera che pubblichiamo il Presidente Milioni sollecita la presenza dei cittadini il giorno 30 maggio alle ore 16 nella sala consiliare di via Mattia Battistini 464

ECCO L'INVITO DEL MUNICIPIO

domenica 27 maggio 2012

Stasera Report sulle onde sacre del vaticano

Il quartiere di Ottavia e Lucchina è interessato al problema perchè l'inquinamento elettromagnetico prodotto dai tralicci di Santa Maria di Galeria produce effetti anche nella nostra zona, come evidenziato anche dagli studi epidemiologici commissionati dal Tribunale di Roma.
Ecco un'anticipazione di quello che vedremo stasera su report:

sabato 19 maggio 2012

Chiediamo che i carabinieri dei NAS controllino il Centro Gulliver

Siamo stati chiamati da alcuni esercenti del Gulliver i quali ci hanno mostrato la gravissima situazione di degrado del terrazzo del centro commerciale dove sono installati diversi impianti tra i quali quelli di climatizzazione del centro e quelli per mantenere la circolazione dell'aria all'interno della struttura.

Abbia visto uno spettacolo orribile: grandi quantità di escrementi, erbacce, rifiuti e volatili morti. Sembrava un film di Dario Argento che noi vogliamo documentare con una raccolta di foto.

Riteniamo sia doveroso per noi del comitato, in qualità di cittadini e utenti che frequentiamo con i nostri figli il centro commerciale, segnalare alle autorità sanitarie della ASL RME e ai carabinieri dei NAS questa situazione di degrado sul terrazzo al fine di avere rassicurazioni sulla qualità del microclima ambientale all'interno del centro.
Vorremmo cioè un sopralluogo da parte delle autorità preposte a tutelare la salute pubblica al fine di poter escludere che, a causa di disservizi e sporcizia negli impianti soprastanti, ci siano rischi per bambini e adulti che passano molto tempo dentro l'area commerciale.
Ecco le foto del degrado

Comitato Lucchina e Ottavia
Aderente al Coordinamento Comitati Roma Nord

sabato 12 maggio 2012

Biblioteca dentro il Gulliver: segnali positivi sulla proposta del nostro Comitato....

Il Comitato Lucchina e Ottavia ha già ricevuto alcune risposte dai privati e dalle istituzioni riguardo alla possibilità di mettere a disposizione dei cittadini alcuni locali del centro commerciale Gulliver per l'uso sociale e culturale.
In particolare i titolari del Centro Stemar Immobre, accogliendo la proposta del comitato Lucchina e Ottavia, hanno dichiarato di essere disponibili ad offrire in comodato gratuito al Municipio XIX e all'Ente Biblioteche di Roma un locale commerciale di 150 metri quadri.
La disponibilità è stata ribadita dai proprietari dei locali direttamente ai rappresentanti del Municipio XIX con i quali è stato concordato un incontro per definire termini e modalità di questa concessione.
Ci adopereremo nelle prossime settimane per portare avanti questa proposta socio-culturale che, qualora si realizzasse, colmerebbe un vuoto nei quartieri densamente abitati di Ottavia, Palmarola e Selva Candida e rilancerebbe il Centro Commerciale Gulliver dal punto di vista dell'immagine e dell'etica della responsabilità sociale d'impresa verso il territorio da esso servito.

Comitato Lucchina e Ottavia
Aderente al Coordinamento Comitati Roma Nord

martedì 8 maggio 2012

Ottavia: Ladri in parrocchia. Sorpresi e arrestati

E' la serata ventosa ma mite del 8 maggio. Si avvicina l'ora  tranquilla della cena per padre Giorgio e padre Giuseppe, i padri canossiani della parrocchia di Santa Maddalena di Canossa via della Lucchina. E' Il momento forse "ideale" scelto da alcuni malintenzionati per penetrare di nascosto nel luogo religioso. L'obiettivo è portarsi via un pò di refurtiva, soldi e oggetti di valore. Ma i ladri vengono scoperti in tempo e l'arrivo delle forze dell'ordine è talmente tempestivo da consentire la cattura.
Un furto sventato, quindi, che segue l'incendio di ieri notte a via Ipogeo degli Ottavi.
Sull'apparente soddisfazione per una triste vicenda dall'epilogo positivo, resta comunque l'ombra di segnali preoccupanti per un quartiere storicamente tranquillo.

Comitato Lucchina e Ottavia 

lunedì 7 maggio 2012

Distrutto completamente il bar di via Ipogeo degli Ottavi. La titolare: "è un incendio doloso"

"Preferiamo non commentare e non dire niente" così hanno risposto alcuni commercianti di via Ipogeo degli Ottavi alla nostra richiesta di commentare o di esprimere le loro impressioni su quanto è accaduto la notte scorsa. Alle 3 circa un fortissimo boato ha spezzato il silenzio del quartiere di Ottavia facendo andare in frantumi i vetri di alcune automobili e svegliando tutti gli inquilini delle case popolari. "Voglia di caffè", il bar di via Ipogeo degli Ottavi 93,  è stato completamente distrutto da un incendio. Le fiamme sono divampate intorno alle 3. Secondo quanto si è appreso, i militari ipotizzano il gesto doloso in quanto sarebbe stata trovata una tanica con del liquido infiammabile. 
Come Comitato di Lucchina e Ottavia, riteniamo che vicende molto gravi come queste non possano passare inosservate e sotto silenzio e che sia invece interesse di tutti i cittadini del quartiere che se ne parli ad alta voce. Per questo motivo abbiamo ritenuto doveroso documentare l'episodio con un video e con delle immagini. Ribadiamo la nostra grande solidarietà a Valentina, titolare del bar incendiato e la ringraziamo per aver accettato di rispondere ad alcune nostre domande. 


Comitato Lucchina e Ottavia
Aderente al Coordinamento Comitati Roma Nord

domenica 6 maggio 2012

I "misteri" del Gulliver

Con un recente articolo su questo blog abbiamo espresso solidarietà ai commercianti del Centro Gulliver i quali probabilmente sono in difficoltà per la crisi generale che colpisce il settore.
Siamo stati contenti di aver ricevuto un commento, anche se triste, da parte di uno dei tanti "inquilini proprietari" del centro, il quale, in merito all'articolo, così ha scritto sulla nostra pagina Facebook: "Esprimo cordoglio per la situazione (che tral'altro mi coinvolge personalmente), ma le parole non bastano e a questo punto neanche i fatti. Le chiacchiere da bar, forse non ricordano i fatti giudiziari del costruttore. Infatti il costruttore (o oggi, le autorità per lui) è il maggior insolvente delle spese che lo riguardano (oltre ad aver da sempre detenuto la maggioranza e il consiglio di amministrazione). I piccoli proprietari sono costretti, oggi, a pagare in quota millesimale tali debiti (le antenne sul tetto non riescono a coprire nulla con poche le poche migliaia di euro annui che incassano) e non mi stupisco in una chiusura imminente!". 
Su questo argomento delle antenne ci preme anzitutto suggerire al gentile imprenditore del Gulliver di esaminare bene i contratti con i gestori e i bilanci della società. Infatti la nostra esperienza sulle antenne ci dice che i profitti derivanti da stazioni radio base sono sempre stati stratosferici per chi decide di inquinare i quartieri cedendo i propri terrazzi alle sorgenti elettromagnetiche.
Ma in generale sulle parole del commerciante e sulla situazione complessiva, immaginiamo che siano tante le questioni intricate e poco conosciute dai cittadini. Vogliamo ricordare quel misterioso incendio che ha distrutto parte dell'ala nuova durante la notte di pasqua di qualche anno fa. E, tanto per riportare alla memoria quell'evento, riproponiamo qui le immagini di quell'incendio . Attualmente abbiamo sentito di un altro mistero che aleggia sul Centro: la Guardia di finanza sarebbe alla ricerca del titolare di un negozio di abbigliamento che avrebbe chiuso i battenti all'improvviso facendo perdere ogni traccia.
Ma il Comitato Lucchina e Ottavia ha fatto una proposta precisa  per salvare il Centro Gulliver, rivolta sia alla proprietà del Centro stesso, sia all'Ente Biblioteche di Roma, sia al Municipio XIX : Concedere gli spazi vuoti all'uso pubblico sociale e culturale. Il rilancio dal Gulliver, secondo noi, passa dalla scelta, che auspichiamo, di abbinare ai profitti la responsabilità verso il territorio, di contribuire come imprenditori allo sviluppo sociale e culturale, in sinergia con istituzioni pubbliche e comitati, per dare risposte ai bisogni della cittadinanza.

Comitato Lucchina e Ottavia
aderente al Coordinamento comitati Roma Nord

martedì 1 maggio 2012

Il "Parco dell'Amore" della Lucchina ridotto a discarica..

La ditta di costruzioni "Progedil" ha aperto qualche anno fa un cantiere edile nella tenuta della Lucchina.  Nel progetto sono previste numerose villette e abitazioni  ma i lavori non sono ancora ultimati e non tutti questi nuovi insediamenti abitativi sono stati venduti. Nel frattempo quegli 800 metri di "viale del Giardino di Ottavia" che separano via Esperia Sperani dalla nuova zona residenziale sono diventati una sorta di "paradiso" per tutti i residenti di Ottavia e della Lucchina. Il fatto che la gran parte di quelle nuove case siano ancora disabitate salvaguarda quel pezzo verde di territorio dall'inquinamento acustico e atmosferico.
Quell'incantevole corridoio stradale con la sua vegetazione e la sua veduta paesaggistica si presta ottimamente ad un intensa frequentazione di sportivi che fanno jogging, di anziani e disabili che fanno camminate terapeutiche, di famiglie con bambini e coppie che fanno semplici passeggiate.
Alla fine di viale del Giardino di Ottavia c'è una sorta di rotonda, una biforcazione dalla quale inizia "via del Giardino di Boboli". Essa conduce ad un piccolo parco dislivellato dove, dopo il tramonto e a sera inoltrata, si appartano alcune coppie in cerca di "privacy" (vedi foto a fianco).
Una sorta di "Parco dell'Amore", delizia di innamorati e amanti che possono parcheggiare la loro vettura lontano da occhi indiscreti. Non tutte le coppie hanno però l'accortezza di tenere pulita l'area tanto che, in assenza di un servizio di pulizia organizzato, è facile rinvenire per terra qualche scatola di preservativi, lattine vuote di coca cola e di  red bull, fazzolettini e bicchieri di plastica, cicche e, persino, qualche slip sporco (vedi foto).
A parte queste spiacevoli effetti collaterali a cui occorre porre rimedio con una forte sensibilizzazione civica, non ci sarebbe nulla di male se questa area verde rimanesse libera e godibile da tutti. Ma purtroppo anche qui, come in altri spazi verdi, sono arrivati i soliti vandali rovesciando quintali di immondizia.
Il "Parco dell'Amore" che potrebbe essere una risorsa, una sorta di sperimentazione innovativa autodisciplinata sta per diventare anch'esso una discarica a cielo aperto. Qualcuno, sia egli padroncino con camion, oppure proprietario di un appartamento in ristrutturazione, ha pensato bene di riversarci calcinacci e rifiuti di ogni genere come possiamo vedere dalle prime 2 foto in alto e dall'ultima in basso.