Per contatti: pianopartecipato@libero.it - fax 0623316920 posta: via Stazione di Ottavia 73B Roma. Leggi qui: Lo Statuto


martedì 12 giugno 2012

Gulliver, l'incendio di sabato notte. Il rischio è ancora in agguato...

Una squadra dei vigili del fuoco, due volanti della polizia e la pattuglia della vigilanza privata sono accorse a sirene spiegate sabato notte, 9 giugno, presso il Centro commerciale Gulliver. Un grosso incendio è scoppiato intorno alle 23.30 davanti al piazzale dove si scaricano le merci per il supermercato Pewex. Il calore e il fumo hanno fatto scattare l'allarme antincendio dello stesso supermercato.
A prendere fuoco è stata la massa di cartoni e le pedane di legno che sono ammucchiate quotidianamente sul piazzale. Non si sa se sia stato un incendio di natura dolosa oppure dovuto ad un semplice mozzicone di sigaretta buttato casualmente da qualcuno di passaggio. Fatto sta che il deposito di materiale infiammabile, come cartoni, legno e altro sul retro del Centro commerciale, adiacente all'uscita del parcheggio sotterraneo, continua a costituire un grave rischio, non solo per i lavoratori del Gulliver, ma anche per gli stessi cittadini che lo frequentano o che ci abitano accanto.
A nulla è servito qualche tempo fa l'interlocuzione diretta di alcuni residenti con l'AMA e con il Municipio XIX per discutere dell'emergenza cartoni e del problema igienico sanitario generato dagli scarti alimentari depositati nei cassonetti. 
L'incendio di sabato scorso non può essere archiviato come un incidente qualsiasi o un fatto casuale. Deve far riflettere alla luce di quanto il Comitato Lucchina e Ottavia sta documentando da settimane. Esiste una problematica ambientale enorme che investe tutto il quartiere. Intorno al Gulliver sono disseminate a cielo aperto tonnellate di calcinacci e rifiuti. Ecco, in proposito, le foto scattate stamattina.  Abbiamo documentato visivamente un degrado sul terrazzo al quale qualcuno ha iniziato a porre rimedio. Non sappiamo quanto questo degrado sia collegato al sequestro dei cantieri edili ma noi riteniamo che i responsabili del Gulliver debbano provvedere a rimuovere ogni sorta di rischio e pericolo per i lavoratori, per gli utenti e per la cittadinanza. 
Chiediamo che, con l'aiuto delle autorità sanitarie locali, con l'azienda Ama e con gli uffici preposti del Municipio XIX, chi amministra il centro commerciale cominci una bonifica seria di tutto l'ambiente esterno, interno e soprastante il Centro Commerciale. 
Riteniamo urgente che sia rimosso il materiale infiammabile (erbacce sdradicate e accumulate) sul terrazzo del Centro e che sia smaltito quotidianamente il materiale infiammabile (cartoni e legni) sul piazzale di carico e scarico in corrispondenza di via Ravera.
Il nostro paese è stato spesso caratterizzato da interventi tardivi, effettuati purtroppo solo dopo eventi tragici che si potevano evitare. Noi vorremmo che il nostro quartiere e il Centro Commerciale Gulliver rispettino in maniera esemplare gli obblighi di prevenzione, igiene e sicurezza previsti dalle leggi dello Stato e che le autorità preposte all'osservanza di queste norme si attivino perché coloro che sono tenuti, responsabilmente, ad agire agiscano al più presto.

Comitato Lucchina e Ottavia
Aderente al Coordinamento Comitati Roma Nord

Nessun commento:

Posta un commento

Rispondi indicando il tuo nome