Per contatti: pianopartecipato@libero.it - fax 0623316920 posta: via Stazione di Ottavia 73B Roma. Leggi qui: Lo Statuto


giovedì 27 settembre 2012

Un consigliere ci ha scritto sulla cementificazione della Lucchina...

Il Comitato Lucchina e Ottavia ha ricevuto dal consigliere del PD, dottor Antonio Posarelli, un aggiornamento su quanto si muove in Municipio XIX riguardo al Programma urbanistico "Palmarola-Lucchina". 
Il Consigliere, che ringraziamo, ha fatto pervenire al nostro comitato e ad altri comitati di zona l'email che sotto riportiamo e il verbale di riunione della Commissione Urbanistica del 26 settembre scorso del quale alleghiamo il link. Riteniamo sia giusto e opportuno che su questa materia qualsiasi documento debba avere la massima pubblicizzazione verso tutti i cittadini senza alcun filtro e nella massima trasparenza.
Di seguito il testo dell'email del consigliere Antonio Posarelli:
Cari amici,
un aggiornamento sulla situazione. Ieri si è tenuta una commissione di cui vi allego il verbale. Il presidente Marotta, dopo aver iniziato la riunione su altre questioni,, è stato costretto a sospenderla per una convocazione urgente nello studio di Milioni. Si è ripresentato dopo quasi un'ora cominicandoci che era stato messo al corrente degli ultimi sviluppi in merito al progetto urbano Palmarola-Lucchina. Sembra siano intercorsi rapporti telefonici tra Milioni e l'arch.Caprioli che hanno portato alla decisione di affrontare la questione in un rapporto diretto con la giunta e con la commissione urbanistica di Roma Capitale. Il tentativo è quello di ottenere maggiori garanzie sulla effettiva realizzazione dei collegamenti viari che sono stati aggiunti, al programma iniziale presentato dai privati, per garantire una risposta ai problemi sollevati in materia di mobilità. Abbiamo fatto le nostre osservazioni di cui potete prendere visione leggendo il verbale allegato.
Ho preso subito contatto con la segreteria della commissione urbanistica del comune dove mi hanno detto che non vi è alcuna riunione programmata in settimana che abbia all'o.d.g il progetto in questione. 
Ritelefonerò lunedì per essere tempestivamente informato in modo da poter essere presente alla riunione in cui si affronterà l'argomento. 
Naturalmente informerò anche voi. Cercherò di ottenere ulteriori informazioni anche dagli uffici e dai consiglieri PD del comune. Sentiamoci per ogni novità in materia.
Un caro saluto.
Antonio Posarelli.


Ecco il verbale di riunione della Commissione Urbanistica del Municipio XIX del 26 settembre 2012



 Lucchina: foto degli scavi
altra foto



martedì 25 settembre 2012

Il Saccheggio della Lucchina



Stanno rapinando una preziosissima area verde della tenuta della Lucchina per riempirci di altro cemento e altro traffico. Pirati della sottocasta dei peones che, per fare cassa con gli oneri di urbanizzazione, svendono aree vincolate a verde pubblico e servizi e ne fanno carne di porco.

sabato 22 settembre 2012

Troppi suicidi a Ottavia, Municipio e Asl offrano aiuto alle famiglie

L'articolo che segue é stato scritto 5 anni fa ma riteniamo che esso, riguardo alle difficoltà e disagi "nascosti"  tra le mura domestiche di molte famiglie o persone sole,  sia ancora attuale:
"Nei drammi che si ripetono anno per anno nel quartiere di Ottavia si ha l'impressione di un assoluto disinteresse da parte delle istituzioni.
All'origine di questi gesti disperati ci sono spesso grandi difficoltà familiari alle quali i servizi sociali del Comune e/o i servizi delle Aziende Sanitarie Locali dovrebbero dare risposte, proprio per evitare, per quanto possibile, che l'unica soluzione ad una sofferenza sia rappresentata dalla spirale violenta dell'atto suicida.
Eppure, in alcuni casi, si potrebbe almeno tentare di prevenire le tragedie. Ad esempio,  l'uomo che un anno fa si è tolto la vita gettandosi dal quinto piano di un condominio di via della Lucchina era il papà di una ragazza disabile. Si sa che la disabilità di un membro della famiglia rende vulnerabili gli altri componenti e indebolisce le loro difese nei confronti di ulteriori fattori stressanti.
Viene allora da chiedersi quanto supporto avrà ricevuto questa famiglia dai servizi socio-sanitari? Quanto, nella crescita di questa ragazza disabile e nel disagio dei suoi genitori, hanno fatto rete di protezione il pediatra, con il consultorio, con la scuola, con lo psicologo del Municipio e della Asl RmE?
Continuando nel racconto di questi drammi ricordiamo un altro suicidio, avvenuto a giugno scorso, quando un uomo si è impiccato ad un albero su via Esperia Sperani. Non sappiamo se vi erano state richieste di aiuto inascoltate da parte di quell'uomo di 57 anni. Ma di certo sappiamo che l'uomo che si è gettato sotto il treno nei pressi della stazione di Ipogeo degli Ottavi mercoledì 19 settembre aveva già espresso indirettamente il bisogno di un aiuto e di un supporto psicologico concreto da parte delle istituzioni.
Lo aveva espresso alcuni anni fa quando aveva tentato il suicidio sparandosi un colpo di pistola in faccia e non raggiungendo però lo scopo ultimo di togliersi la vita.
 Per tentare di disinnescare queste spirali di autolesionismo e autoannientamento, le due proposte che vorremmo lanciare al Comune di Roma, alla ASL RME, al Municipio 19, e, per la seconda proposta, anche a Trenitalia e Rfi sono le seguenti:
1) Bussate a casa di queste famiglie, colpite dal dramma del suicidio di un loro congiunto, e offrite un supporto ai loro figli, sosteneteli con tutti i servizi che avete a disposizione: con ascolto, con l'orientamento lavorativo, con l'aiuto scolastico, con l'aiuto economico se necessario ecc. ecc

2) Riflettete seriamente sulla possibilità di un servizio territoriale di ascolto front-line presso uno dei locali inutilizzati della Stazione di Ottavia,  di proprietà di Trenitalia. L'associazione culturale Lucchina e Ottavia si renderebbe disponibile gratuitamente, con personale qualificato e volontario,  a gestire il servizio una volta o più volte  a settimana. 
Basterebbe un protocollo di intesa tra Regione, Asl, Trenitalia e Rfi per dare questa opportunità al quartiere e ai cittadini. Si creerebbe un luogo di accoglienza che registri eventi sentinella, un servizio prezioso che, facendo rete con i servizi socio sanitari centrali, con altri presidi burocratici, sindacali, possa dare una grossa mano a tutte quelle persone in difficoltà le quali non sanno dove sbattere la testa per chiedere aiuto su piccoli e grandi problemi quotidiani.
Se ci pensate, si tratterebbe, in fondo, per voi rappresentati delle istituzioni e di Trenitalia, di rispettare e dare vita alla Carta Europea per lo sviluppo di iniziative sociali nelle Stazioni che avete firmato a Bruxelles nel 2008 e che avete finora disatteso nonostante su questo tema si siano stabiliti contatti, tracciate ipotesi in sede regionale e si siano fatte risoluzioni municipali. Tutto rimasto sulla carta.
Non è possibile che un comitato di quartiere e/o un'associazione debbano essere lasciati soli ad organizzare iniziative simili in locali di fortuna quando esistono numerosi spazi e locali pubblici inutilizzati e spesso abbandonati al degrado.
Pertanto, voi uomini e donne che sedete sugli scranni comunali e municipali avendo responsabilità di governo delle politiche per i cittadini, e voi, amministratori di aziende di servizio pubblico, statale e "parastatale", se ci siete battete un colpo!

Associazione culturale Lucchina e Ottavia
Aderente alla Rete delle Associszioni di Promozione sociale del Municipio XIV 


venerdì 21 settembre 2012

Un suicidio e un tentato suicidio nella stessa mattinata..

La mattina di mercoledì 19 settembre una donna ha tentato di suicidarsi presso la stazione Gemelli.
Poche ore prima un morto suicida, nei pressi della stazione di Ipogeo degli Ottavi. Età 49 anni, romano.
Il fenomeno diventa ogni giorno di più preoccupante a Ottavia come in tutta l'area metropolitana. Mentre si ragiona molto sulla corruzione nei posti di governo, locale e nazionale, le persone comuni sono sempre di più in preda alla disperazione per la fatica di vivere quotidiana, per problemi relazionali, familiari, economici, con servizi pubblici e sanità allo sfascio, con servizi sociali ridotti sempre più al lumicino.
Una riflessione va fatta al più presto per stimolare chi ha responsabilità di governo della cosa pubblica di tentare, almeno tentare, un miglioramento della qualità della vita nelle periferie.


Comitato Lucchina e Ottavia

domenica 16 settembre 2012

Crolla un pezzo di muro del centro commerciale Gulliver


Intorno a Giovedì della scorsa settimana un pezzo di cortina di una parete del centro commerciale Gulliver è crollata giù vicino all'uscita di sicurezza che si trova alla destra dell'entrata del supermercato Pewex. Non vogliamo esprimere commenti e considerazioni ma solo informare sull'accaduto e accompagnare la notizia con alcune foto.
Per il resto ribadiamo, come spesso abbiamo fatto, che il Gulliver è un centro commerciale prezioso per il quartiere di Ottavia. Esso ha grandi spazi, come "l'anfiteatro" circolare sul retro (che vediamo nell'ultima foto sotto), che potrebbero essere valorizzato per concerti, eventi culturali e manifestazioni.
Aspettiamo con speranza che qualcuno, o gli stessi commercianti associati, riescano a prendere una buona volta l'iniziativa per risolvere i vari problemi esistenti, per far togliere tutti i rifiuti circostanti, per ripristinare la climatizzazione interna e per mettere mano con spirito di prevenzione, ad eventuali altri elementi di rischio a beneficio di operatori e clienti.
Chi riuscirà a sistemare tutte le problematiche del Centro avrà sicuramente l'apprezzamento generale.

Comitato Lucchina e Ottavia



l'altro lato che da su via Cesira Fiori
L'anfiteatro che potrebbe essere valorizzato

giovedì 13 settembre 2012

Le pecore della Lucchina sfrattate dal cemento... "difendiamole" con un fax


Le pecore al pascolo erano una delle caratteristiche della Lucchina, una visione quotidiana per i numerosi amanti del jogging che nei pomeriggi assolati percorrono viale del Giardino di Ottavia entrando dalla rotatoria di via Cesira Fiori .
Oggi le pecore sono state sfrattate e al loro posto ci sono orribili scavi di sondaggio archeologico finalizzato all'invasione di 75.000 mq di nuovo cemento residenziale e commerciale.
Per il 19 settembre alle ore 9.30 è stata fissata una seconda seduta della Commissione urbanistica del Municipio XIX  presso la sede di via Mattia Battistini 464. 
Invitiamo i Cittadini di Ottavia e di Sant'Andrea e degli altri quartieri limitrofi di Palmarola, Selva Candida, Selva nera, Casalotti a far arrivare la loro opposizione a questa nuova cementificazione di un'area vincolata dal Piano Regolatore a  "Verde Pubblico e Servizi" in una zona che già soffre di gravi problemi di mobilità e di urbanizzazione patologica. Esprimete queste parole o personalizzatele tramite un fax indirizzato alla Commissione Urbanistica al seguente numero 06.69619335 .
In alternativa o in aggiunta, scrivete una mail al seguente indirizzo: municipio.19@comune.roma.it


Comitato Lucchina e Ottavia
Aderente al Coordinamento omitati Roma Nord

martedì 11 settembre 2012

I cittadini di Ottavia per il Comune sono solo "marmellata"


Alle 10 di mercoledì 12 settembre 2012, presso il Municipio XIX, a via Mattia Battistini 464, si terrà la seduta della Commissione Urbanistica per discutere del Programma di sviluppo urbanistico "Palmarola-Lucchina" (per chi volesse approfondire qui trova il progetto completo e la Relazione tecnica)
Esso prevede a Ottavia la costruzione di 75.000 mq di nuovo cemento,  di cui residenziale 72.000 mq e commerciale 3000 mq,  da edificare nell’area compresa tra “I giardini di Ottavia” e la rotatoria di via Cesira Fiori e la famosa Esperia Sperani. (Ecco le immagini dei primi scavi ).
La marmellata sembrerebbe già fatta nel senso che sul programma "Palmarola-Lucchina" il nostro Municipio XIX, secondo alcuni consiglieri municipali che ci hanno scritto,  avrebbe già espresso in data 23 maggio 2012 il suo parere favorevole proponendo soltanto alcune proposte integrative al progetto.
Il parere sarebbe stato firmato dal Responsabile del servizio 1° edilizia privata Simonetta Ciccalotti, dal dirigente del U.O.T. Antonio Adamo e dal Presidente Milioni, dove si esprime il “parere favorevole alla sottoscrizione dell’Accordo di Programma, ex art. 34 del D.lgs 267/2000, concernente la compensazione edificatoria del Programma Urbanistico Palmarola-Lucchina”. Lo stesso Municipio continua affermando di conoscere la “destinazione a verde pubblico e servizi…” dell’area, ma accetta di buon grado la trasformazione urbanistica in quanto crede che “la compensazione è uno strumento che mira a perseguire l’efficienza delle trasformazioni del suolo poiché costituisce un mezzo di concretizzazione del piano urbanistico, finalizzato alla sostenibilità urbana, mirando ad introdurre nuove regole che portino ad un piano maggiormente rispondente alle necessità della comunità”.
Inoltre di fronte ad alcune prescrizioni in tema di mobilità fatte dal VI° e dal VII° Dipartimento durante la Conferenza dei Servizi, i privati proponenti (le società edilizie) avrebbero presentato una una nuova ipotesi progettuale che recepirebbe tali prescrizioni.
Rimane un'inquietante prospettiva per tutti gli abitanti di Ottavia e Palmarola che stravolge la concezione stessa del diritto urbanistico: 
Questi 75.000mq, inizialmente destinati alle aree di Tor Cervara e Tor Marancia, sono finiti ad un passo da Via della Lucchina in un’area che da Piano Regolatore risulta destinata a “Verde pubblico e servizi pubblici di livello locale”, quindi inedificabile, oltretutto interessata da reperti archeologici.
Oltre 2000 abitanti in più popoleranno il quartiere di Ottavia nonostante siano ben note "urbi et orbi" le gravi carenze di infrastrutture viarie della zona e l'inadeguatezza dei mezzi di trasporto pubblico che affligge tutto il quadrante di Roma nord ovest. 
Occorre uno scatto di dignità per fermare questo orripilante modo di amministrare la cosa pubblica sventrando l'agro romano con la cementificazione selvaggia.
In altre parole occorre impedire al Comune di Roma e al Municipio XIX di fare dei cittadini di Ottavia e Palmarola una grande confettura di marmellata!

Comitato Lucchina e Ottavia

lunedì 10 settembre 2012

Nido di via Gallo: Rischio incendio per incuria ?

L'asilo nido di via Gallo attende da 5 anni la riapertura ai piccoli utenti del Municipio XIX. Era sembrato che il Presidente Milioni ne facesse, nei confronti del sindaco e del Campidoglio, una questione di onore nel pretendere lo stanziamento in bilancio di quanto occorre per finire la ristrutturazione e restituirlo quanto prima ai cittadini nella piena funzionalità.

Adesso, mettiamo per un attimo da parte la coerenza e la lealtà degli annunci mediatici e atteniamoci alla realtà: le foto che pubblichiamo documentano come le sterpaglie, i rovi, le erbacce alte del giardino dell'asilo nido rappresentino un serio rischio di incendio che potrebbe distruggere la struttura e potrebbe propagarsi anche ai condomini limitrofi con conseguenze nefaste per persone e cose.

La prevenzione dovrebbe essere il fiore all'occhiello di ogni amministrazione pubblica che si rispetti. Quando il termine "prevenzione" comincia a diventare una parola opzionale, vuota o sconosciuta allora tutti i cittadini dovrebbero allarmarsi e cominciare a riflettere profondamente su quanto la loro qualità della vita e le loro vite stesse siano compromesse dall'irresponsabilità di chi amministra il territorio.



Comitato Lucchina e Ottavia

domenica 9 settembre 2012

Una montagna di rifiuti dietro il Gulliver


L'avevamo segnalato in rete diversi mesi fa quando il cumulo di rifiuti era ancora contenuto. Oggi quel cumulo di rifiuti, originariamente composto da tessuti bruciacchiati misti a calcinacci, comincia a fare impressione per la quantità in progressivo aumento settimana per settimana.
Noi ovviamente ci chiediamo quanto sia devastante il circolo vizioso di questi rifiuti dal punto di vista simbolico ed educativo. 
L'abbandono di rifiuti ai margini delle strade o su aree verdi è una malattia contagiosa e in un quartiere come Ottavia la vista per lungo tempo di rifiuti abbandonati e la mancanza di vigilanza e sanzioni  potrebbe rappresentare una sorta di lasciapassare agli inquinatori protetti dall'oscurità o da momenti di "calma" (come si può vedere in queste altre foto )
Ci auguriamo che qualcuno si prenda carico di questo problema che anche dal punto di vista educativo produce i suoi effetti negativi. Nel senso che nulla si può dire agli adolescenti e ai giovani che, prendendo "esempio" dagli adulti e dall'inerzia di Municipio e Comune, non acquisiscono nei loro comportamenti il principio di rispetto per l'ambiente.
Per altri servizi e info sul problema visita il sito:

giovedì 6 settembre 2012

Quei locali inutilizzati della stazione di Ottavia...

Nel lontano ottobre 2008 il nostro sindaco Alemanno e il Presidente della Provincia Zingaretti, assieme ai responsabili delle Ferrovie dello Stato e delle società ferroviarie di Francia, Belgio e Lussemburgo, hanno firmato la "Carta europea per lo sviluppo di iniziative sociali nelle stazioni" .
Tra gli impegni sottoscritti dai firmatari si  leggono i seguenti:

-Programmare interventi sociali nelle aree urbane e ferroviarie coinvolgendo le istituzioni pubbliche, l’associazionismo, il volontariato, la società civile, le forze di pubblica sicurezza ;
-Studiare e monitorare l’evoluzione del disagio sociale attraverso analisi e ricerche
condividendone i risultati tra le reti firmatarie 
- Sensibilizzare e progettare percorsi formativi per il personale ferroviario, in particolare 
per chi opera nelle stazioni, per la gestione del disagio sociale.... ecc ecc 


 Centinaia e centinaia di metri quadri inutilizzati nelle stazioni della linea Cesano-Roma.
Le foto che vi presentiamo parlano chiaro.
In particolare queste foto si riferiscono alla stazione di Ottavia e vediamo dei locali le cui porte sono state addirittura murate.
Non ci sono altre parole... lasciamo parlare le immagini e chiediamo al gentile Sindaco e al Presidente della Provincia: a distanza di 4 anni da quella firma perchè non la onorate recuperando e mettendo al servizio della cittadinanza questi locali della stazione di Ottavia? Possibile che, assieme a quelli di Ipogeo degli Ottavi , essi debbano rimanere abbandonati a se stessi e non vi adoperiate per costruire qualcosa con le associazioni, i comitati e i cittadini attivi? Le periferie hanno estremo bisogno di spazi di aggregazione giovanile, di servizi per i cittadini, di luoghi sociali di informazione e di formazione
Infine chiediamo ai nostri consiglieri e assessori del Municipio XIX il motivo di tanta inerzia, di tale mancanza di creatività su un tema così importante. Perchè manca questa capacità dei rappresentanti politici di prossimità di attivare un circuito virtuoso? Perchè non si riesce ad organizzare un tavolo di lavoro con Trenitalia, Rfi, la Regione Lazio e la Provincia per organizzare questi locali delle stazioni come bene comune di servizio alla cittadinanza rispettando gli impegni presi in Europa e imitando le buone prassi degli altri paesi?

Comitato Lucchina e Ottavia

lunedì 3 settembre 2012

A Ottavia i cittadini sempre più derubati di spazi pedonali ?

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO QUESTA SEGNALAZIONE NELLA SPERANZA CHE I CONSIGLIERI E POLITICI DEL MUNICIPIO XIX POSSANO RISPONDERE AL QUESITO DOCUMENTATO DEL CITTADINO CHE CI HA SCRITTO:

Gentile Comitato/Redazione, Come vecchio cittadino che vive da sempre nel Municipio XIX, ritengo opportuno porvi all’attenzione quanto avviene nel nostro Quartiere a danno della collettività.
 Dalla fine del Luglio scorso, sulla Via Trionfale altezza e lato civico 11352 e oltre (stazione Ottavia), è stata installata una recinzione su parte dell’area interna (attualmente usata come libero spazio per la sosta veicolare) destinata al futuro allargamento della stressa strada.
All’interno dell’area in questione sono stati avviati lavori a carattere edile che, sembra, si concluderanno con l’installazione di una stazione di lavaggio auto(!) a servizio del vicino impianto
di distribuzione di carburante Q8.
Appare curioso e strano che dopo quarant’anni tale superficie, che fu lasciata appositamente libera dai costruttori frontisti in sede di espansione urbanistica, debba ora essere sottratta all’uso pubblico per fini speculativi.
Presso gli Uffici Municipali non è stato possibile raccogliere notizie soddisfacenti; una risposta, peraltro, è stata data: “sono in regola...”.
Memore del vostro assiduo impegno rivolto alle problematiche del Quartiere, alla tutela del suo decoro urbano e all’ambiente, mi rivolgo a voi perché possiate, con i vostri mezzi e capacità, approfondire e verificare quanto effettivamente posto in essere col suddetto cantiere, ed accertare che nulla venga fatto e/o sottratto a danno dei cittadini. 
A documentazione allego alcune immagini (JPEG) del luogo.
Ringrazio e porgo distinti saluti.
                                   Silvano Gradassa
------------------------------------------------------------------------------------------------
Ringraziamo il signor Silvano Gradassa di questa sua lettera. Lo aggiorneremo prontamente via email appena avremo notizie.
Intanto sulla questione distributori di carburante a Ottavia vogliamo ricordare questo articolo linkato di seguito .  Ecco, inoltre, alcune immagini.

Comitato Lucchina e Ottavia