Per contatti: pianopartecipato@libero.it - fax 0623316920 posta: via Stazione di Ottavia 73B Roma. Leggi qui: Lo Statuto


sabato 13 aprile 2013

L'arsenico nell'acqua riguarda solo la provincia di Viterbo?

Nei cittadini di Viterbo e 16 comuni del viterbese, interessati dall’emergenza arsenico nell’acqua, la concentrazione della sostanza nell’organismo è oltre il doppio rispetto a quella nella popolazione generale. Maggiori concentrazioni sono state rilevate anche nei bambini. Questi i dati dello studio dell’Iss sul rischio a Latina, Roma e Viterbo.
I nuovi dati sono in via di pubblicazione su riviste scientifiche. Le analisi sono state condotte su campioni di unghie e urine di 269 soggetti sani (da 1 a 88 anni di età) residenti nelle aree a rischio. Nei viterbesi, la concentrazione della sostanza nelle unghie è risultata pari a 200 nanogrammi per grammo contro gli 82 nanogrammi di un gruppo di controllo nella popolazione generale. Per l’Oms l’arsenico è un elemento cancerogeno per il quale l’Ue ha disposto già dal 2001 precisi limiti.
“Con il Presidente Nicola Zingaretti e con tutti gli enti locali interessati avvieremo in tempi strettissimi le misure urgenti per far fronte ai disagi della popolazione in seguito all’emergenza da tempo creatasi a causa delle alte concentrazioni d’arsenico nell’acqua nel Viterbese”. Lo dichiara il ministro della Salute, Renato Balduzzi, dopo la telefonata che ha avuto questa mattina con il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. Il Ministro ha informato il presidente Zingaretti e insieme hanno concordato un incontro la prossima settimana (Quotidiano.net)

Come associazione culturale Lucchina e Ottavia, abbiamo contattato le due farmacie della Lucchina e l'istituto di Igiene del Policlinico Gemelli al fine di esaminare la possibilità di far analizzare l'acqua dei nostri rubinetti.
La farmacia di via della Lucchina ha mostrato interesse al problema e si è detta disponibile a collaborare qualora si riuscisse ad individuare un istituto di comprovata serietà e autorevolezza che possa analizzare l'acqua di Ottavia. L'istituto di Igiene del Gemelli ha risposto, purtroppo, che le loro analisi sono limitate ad altre sostanze e non rilevano presenza di metalli.
Attendiamo altre risposte ma attendiamo anche, con piacere, eventuali altre proposte dai lettori del nostro blog.

Nessun commento:

Posta un commento

Rispondi indicando il tuo nome