Per contatti: pianopartecipato@libero.it - fax 0623316920 posta: via Stazione di Ottavia 73B Roma. Leggi qui: Lo Statuto


domenica 2 giugno 2013

Quali nuove opportunità di lavoro e formazione per i disoccupati ?

In Italia quasi quattro giovani (entro i 24 anni) su dieci sono a spasso. Due milioni sono quelli che non studiano, non lavorano e non cercano lavoro. 
L'Unione Europea ha stanziato 6 miliardi di euro disponibili dal 2014 e destinati a quei paesi che abbiano un tasso di disoccupazione giovanile superiore al 25% (la Commissione Lavoro dell'Europarlamento potrebbe abbassare il tasso al 20% ed alzare la soglia d'età fino a 30 anni). 
Perchè il nostro paese possa usufruire di questi fondi deve rispettare la raccomandazione comunitaria sull'applicazione della "Garanzia Giovani" . 
Che cosa è la Garanzia Giovani? Riguarda l'introduzione di un meccanismo, normativo e di sistema, che consenta ad ogni ragazzo di ricevere una qualche offerta di lavoro e formazione entro quattro mesi dalla fine della scuola o dall'inizio della disoccupazione.
Ma, a prescindere da questi 6 miliardi di euro che, a partire dal 2014, l'Unione Europea distribuirà ai paesi virtuosi che sapranno seguire le raccomandazioni comunitarie sul tema dell'occupazione giovanile, esistono già nel nostro paese, e presso ogni regione, risorse del Fondo Sociale Europeo destinate all'occupazione, inserimento, e reinserimento di categorie svantaggiate. Ogni Regione ha a disposizione alcuni milioni di euro da destinare, con bandi pubblici, a imprese che assumono a tempo determinato a fini formativi. Inoltre le norme introdotte con la legge Biagi e con leggi approvate successivamente creano forti agevolazioni per tutte quelle aziende che favoriscano l'occupazione assumendo soggetti svantaggiati con varie tipologie di contratti. 
"L'assunzione di determinate tipologie di lavoratori può comportare interessanti agevolazioni economiche per i datori di lavoro. Si tratta di particolari interventi di politica del lavoro che prevedono alleggerimenti del costo del lavoro legati all'assunzione di lavoratori appartenenti a specifiche categorie. Questi interventi si possono sostanziare tramite la riduzione (o l'azzeramento) degli oneri contributivi oppure tramite l'erogazione diretta di un contributo."
Elenchiamo alcuni tipi di contratti di lavoro che, in alcuni casi, sono finanziati dalla Regione e, in altri casi, prevedono una riduzione consistente del costo del lavoro per le aziende che assumono:
Tirocini Formativi Professionalizzanti: In questo caso i  datori di lavoro privati e pubblici possono chiedere un finanziamento tramite domanda alla Regione Lazio. Condizione è l'impiego di lavoratori inoccupati o disoccupati, espulsi o a rischio di espulsione dal settore produttivo e dal mercato del lavoro con obiettivi di tirocini formativi professionalizzanti, come definiti dalla norma vigente, al fine di essere impiegati o re-impiegati nel mercato del lavoro; Le risorse stanziate dalla Regione Lazio per il bando pubblico del 27 novembre 2012 ammontano, complessivamente, a € 4.000.000,00 a valere sul Fondo Sociale Europeo Lazio 2007-201. Per un tempo determinato di un anno, l'impresa si prende cura, a costo zero, della formazione e inserimento di un disoccupato o inoccupato. L'obiettivo minimo è l'apprendimento di un mestiere/professione spendibile sul mercato. L'obiettivo massimo è una conseguente assunzione nella stessa impresa.
Contratto di apprendistato:  L'assunzione con tale tipologia di contratto è rivolta ai giovani tra i 15 e i 29 anni e consente di acquisire una qualifica professionale. Regola un rapporto di lavoro nel quale l'azienda si impegna ad addestrare l'apprendista, attraverso fasi di insegnamento pratico e tecnico-professionale.
Contratto di inserimento: dura dai 9 ai 18 mesi, si applica a persone di età compresa tra 18 e 29 anni, disoccupati di lunga durata tra i 29 e i 32 anni, lavoratori con più di 50 anni privi del posto di lavoro, lavoratori che intendono riprendere un'attività e che non hanno lavorato per almeno due anni,  donne di qualsiasi età che risiedono in aree geografiche in cui il tasso di occupazione femminile sia inferiore almeno del 20% di quello maschile (oppure quello di disoccupazione superiore del 10%) (art 54 comma 1 lett. e del d.lg.vo 276/2003).
Contratto di reinserimento: può essere stipulato da tutti i datori di lavoro, di qualunque settore, a condizione che, al momento dell'instaurazione del rapporto di lavoro, non abbiano lavoratori sospesi in Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria, ovvero non abbiano proceduto a riduzione di personale nei dodici mesi precedenti, a meno che l'assunzione non avvenga per professionalità sostanzialmente diverse da quelle dei lavoratori interessati alle predette sospensioni o riduzioni di personale. Si tratta di un contratto di lavoro a tempo indeterminato, con possibilità di svolgimento sia a tempo pieno che parziale.
Ai datori di lavoro che assumono con contratto di reinserimento è riconosciuta una riduzione nella misura del 75% sui contributi previdenziali e assistenziali dovuti per il lavoratore assunto, per un periodo di tempo variabile in relazione al periodo di disoccupazione del lavoratore.
Contratto di solidarietà "espansivo": L'obiettivo di tale contratto (disciplinato con D.L. n. 726/1984, convertito con modificazioni nella Legge 863/1984) è quello di incrementare l'occupazione aziendale mediante una contestuale e programmata riduzione stabile dell'orario di lavoro e della retribuzione. Per instaurare il rapporto di lavoro utilizzando la forma del contratto di solidarietà "espansivo" beneficiando delle agevolazioni previste occorre che siano rispettate le seguenti condizioni:
deve essere stipulato un contratto collettivo aziendale con i sindacati aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale che preveda, al fine di incrementare l'organico aziendale, programmandone le modalità di attuazione, una riduzione stabile dell'orario di lavoro, con riduzione della retribuzione, e un contestuale piano di assunzione di nuovo personale. La riduzione dell'orario di lavoro è stabilita nelle forme di riduzione dell'orario giornaliero, settimanale o mensile.

Associazione Culturale "Lucchina e Ottavia"

Nessun commento:

Posta un commento

Rispondi indicando il tuo nome