Per contatti: pianopartecipato@libero.it - fax 0623316920 posta: via Stazione di Ottavia 73B Roma. Leggi qui: Lo Statuto


domenica 13 aprile 2014

La prima vera passeggiata archeologica nella storia di Ottavia

Entrata nell'Ipogeo degli Ottavi
Alla fine è risultato un bellissimo incontro quello di oggi pomeriggio, domenica 13 aprile 2014. 
Pienamente riuscita l'iniziativa sperimentale di camminamento collettivo attraverso i siti archeologici di Ottavia, in vista dell'evento del 25 maggio prossimo dedicato ai pellegrini della via Francigena. L'evento dell'ultima domenica di maggio sarà patrocinato dal Comune di Roma e dal Municipio XIV e sarà realizzato dall'Associazione culturale Lucchina e Ottavia e il circolo Ecoidea di Lega Ambiente, in collegamento sinergico con la Rete della Associazioni di promozione sociale del Municipio stesso.
Ma oggi, senza che sia stata affissa una sola locandina nè distribuito un solo volantino, senza inserzioni o spot, senza alcun aiuto pubblico, è bastato un semplice annuncio sulla nostra bacheca  facebook e le persone interessate, adolescenti, giovani e adulti sono venute ad ammirare i luoghi pregiati del nostro quartiere e a percorrere con noi circa 2 chilometri di strada fino al Ninfeo della Lucchina.
Una giornata indimenticabile per alcuni dei partecipanti che, pur abitando a Ottavia da 15 o 20 anni, non avevano mai visto
descrizione di sarcofagi e dipinti
l'ipogeo degli Ottavi e i suoi sarcofagi sotto il villino Cardani al civico 73 di via della stazione di Ottavia. 
Per tutti loro e soprattutto per le giovanissime ragazze intervenute immaginiamo sia stata una positiva novità in un quartiere, a nostro avviso, poco valorizzato nonostante le sue risorse storiche e umane.
Il tragitto della comitiva ha toccato il tratto di strada romana che si trova al civico 139 di via della stazione di Ottavia, per proseguire su via Esperia Sperani dove, dal lato Vivi Gioi, nel 1986, è stata scoperto un altro bellissimo tratto di strada romana e, purtroppo, tanti reperti storici nel sottosuolo sono stati trafugati. 
L'arrivo al Ninfeo del Lucchina è stata agevolato da un lavoro volontario, fatto il giorno prima, di taglio di rovi ed erbacce che ostruivano il passaggio pedonale dalla strada sterrata del consorzio Palmarolina all'area di servizio Selva Candida interna.
Ovviamente, abbiamo sperato nell'autorizzazione ad entrare nel Ninfeo della Lucchina, ma, per bocca dell'assessore alla cultura Marco della Porta, la Soprintendenza ci ha fatto sapere che occorrono ancora dei lavori per renderlo agibile.
Ci auguriamo che in vista dell'evento del 25 maggio, l'associazione Lucchina e Ottavia e le altre associazioni del territorio, potranno avere la necessaria collaborazione pratica del Municipio e della Soprintendenza ai Beni Archeologici di Roma. .
villino Cardani sopra l'Ipogeo
strada romana via stazione di Ottavia 139

Ninfeo della Lucchina
Area di servizio Selva Candida interna
il giorno prima
volontariato ecologico 12 aprile 2014


Nessun commento:

Posta un commento

Rispondi indicando il tuo nome