Per contatti: pianopartecipato@libero.it - fax 0623316920 posta: via Stazione di Ottavia 73B Roma. Leggi qui: Lo Statuto


sabato 10 gennaio 2015

Villa Paladini: Lettera aperta al Presidente del Municipio XV

Gentilissimo Presidente Torquati,
conosciamo la sua sensibilità all'ambiente e alla cultura e vorremmo sottoporLe una questione che ci è stata segnalata da alcuni nostri soci. Le chiediamo di voler dare una risposta e fare quanto è nei suoi poteri di rappresentante dei cittadini nell'istituzione di prossimità.
Si tratta della sorte di "Villa Paladini" la bella villa novecentesca che si trova in zona Tomba di Nerone e che, nel 1992, fu donata dalla vedova Paladini, al momento della morte, alla Fondazione Italiana per la Ricerca sul Cancro.
Essa, con il suo bellissimo parco, potrebbe costituire la “porta di accesso” all’Insugherata e la sua vendita, a meno che non venga acquistata da un ente pubblico, impedirà la realizzazione di un ingresso alla Riserva Naturale.
La vendita ad un privato tradirebbe la destinazione originaria decisa con il Piano di Assetto dell’Insugherata, approvato con una delibera del 2002 e pubblicato nel lontano 2006, il quale prevede che la villa diventi, attraverso finanziamenti pubblici, “centro monitoraggio e documentazione ambientale” ricorrendo anche all’acquisizione mediante esproprio o utilizzo in comodato d’uso.
In particolare la scheda del Piano di Assetto dell'Insugherata così recitava:  “Questo progetto ha l’obiettivo
di dare visibilità all’ingresso principale della Riserva e di dotare l’area naturale protetta dei necessari servizi”.
E ancora: “L’intervento consiste nella destinazione di Villa Paladini a Centro Visite e centro di monitoraggio ambientale e nella sistemazione di tutta l’area con attrezzature di sosta. Inoltre essendo un nodo di interscambio con la sentieristica si prevede l’installazione di cartellonistica informativa; si prevede anche il restauro dell’originario giardino e il recupero delle essenze arboree esistenti”.
Ci rendiamo conto dell'abbandono e del degrado in cui in questi anni è stata lasciata, ma riteniamo che questa circostanza non debba costituire un pretesto (e un preoccupante precedente)  per venderla ai privati. 
Voglia, Gentile Presidente Torquati, occuparsi della vicenda proponendo soluzioni di mediazione nell'interesse pubblico e  informare i cittadini sull'evolversi della questione.

Associazione culturale Lucchina e Ottavia


Nessun commento:

Posta un commento

Rispondi indicando il tuo nome