Per contatti: pianopartecipato@libero.it - fax 0623316920 posta: via Stazione di Ottavia 73B Roma. Leggi qui: Lo Statuto


lunedì 9 febbraio 2015

Anche noi con "Libera" contro le mafie

Dalla galleria fotografica del sito di "Libera"
L'Associazione culturale Lucchina e Ottavia, assieme alla Rete delle Associazioni di Promozione sociale del Municipio XIV, aderisce alla campagna di sensibilizzazione sul tema della criminalità mafiosa e del riutilizzo sociale dei beni confiscati.
Anche nel municipio XIV intendiamo organizzare eventi che si colleghino alla miriade di associazioni cittadine attive e sensibili contro la corruzione e il malaffare nella nostra metropoli.
Dal sito di "Libera"
"Il 7 marzo 1996 la legge 109 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alle organizzazioni criminali entrava in vigore e segnava una svolta epocale nel contrasto alle mafie nel nostro Paese. Un successo per lo Stato, per la rete di Libera e per tutti i cittadini che avevano sostenuto con un milione di firme la petizione popolare a sostegno della proposta di legge. Il 7 marzo 2011 ricorrono 15 anni dall'entrata in vigore della legge sul riutilizzo sociale dei beni confiscati, 15 anni nel corso dei quali centinaia di ettari di terreni, ville, appartamenti e altri beni immobili si sono trasformati in cooperative sociali, sedi di associazioni, comunità di accoglienza, centri culturali, grazie all'impegno di Istituzioni, Enti Locali e della società responsabile. Nell'occasione Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie,organizzerà a partire da lunedì 7 marzo una settimana di visite guidate ed iniziative sui beni confiscati alle mafie con la partecipazione di studenti, scuole, cittadini, associazione, scout, parrocchie... 
L'iniziativa dal titolo Prendiamoci bene: è Cosa Nostra! Giornata di apertura dei beni confiscati alle mafie, si inscrive nell'ambito del concorso Regoliamoci 2010-11, promosso con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e in collaborazione con l'Agenzia Nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata".

Nessun commento:

Posta un commento

Rispondi indicando il tuo nome