Per contatti: pianopartecipato@libero.it - fax 0623316920 posta: via Stazione di Ottavia 73B Roma. Leggi qui: Lo Statuto


sabato 11 luglio 2015

L'Estate romana comincia a Ottavia il 16 luglio, e si tinge di....

L'Estate Romana, organizzata dall'associazione culturale "Lucchina e Ottavia", è aperta a tutti i cittadini di Roma e del Lazio ed è completamente gratuita. 
Si svolge il 16 e 17 luglio, di sera, dalle ore 21.00 alle 23.00, presso i locali della stazione ferroviaria di Ottavia, ed ha ottenuto il Patrocinio senza oneri dall'Assessorato alla Cultura del Municipio XIV.  
E' però necessario prenotarsi direttamente a via della Stazione di Ottavia 73b, oppure via  tel. 0630811277  oppure via email a pianopartecipato@libero.it. 

Ma di cosa tratta la nostra Estate Romana? 
Anzitutto è obbligatorio partecipare ad entrambe le serate perché si tratta di un "Laboratorio di filosofia per non filosofi" articolato in due incontri consecutivi.
Un laboratorio di ricerca condivisa, attraverso gruppi di lavoro, che tratteranno il tema dell'"Identità":  "Chi sono, io che sono?" Ognuno di noi ha bisogno di conoscersi per dare un senso alle proprie azioni e alla propria vita. Ma nell'arco della vita una persona può rimanere la stessa nonostante 
i cambiamenti fisici, psichici, esistenziali a cui va incontro? Siamo fatti solo di memoria individuale o anche memoria collettiva del gruppo al quale apparteniamo?
Un laboratorio adatto a tutte e tutti, senza distinzioni di età, sesso, religione, etnia ecc ecc.
Diceva Elio Vittorini che "la cultura non è professione per pochi: è una condizione per tutti, che completa l’esistenza dell’uomo."
I Caffè filosofici, tenuti a Ottavia per un intero anno, e che riprenderanno a settembre, non sono stati incontri riservati ad una elìte di intellettuali: Le oltre cento persone che hanno partecipato sono casalinghe, infermieri, giovani impiegati, studenti, pensionati, operatori sanitari, cassaintegrati, ex insegnanti, commercianti. 
Persone, dunque, di varia estrazione sociale e di diverso livello di istruzione, che hanno partecipato ed espresso soddisfazione per questa esperienza culturale di ascolto e di relazione, unica nel suo genere, qualcosa di mai organizzato nelle periferie romane.

"Ci si ciba di slogan pubblicitari, ci si accontenta di modeste evidenze. Sono, invece, le grandi e ultime domande a mettere in moto l’anima e a dare senso alla vita. (Gianfranco Ravasi)

"Filosofia significa, in verità, essere in cammino. Le interrogazioni e le domande sono per essa più essenziali delle risposte, e ogni risposta viene nuovamente e continuamente rimessa in questione" (Karl Jaspers)


Associazione culturale Lucchina e Ottavia

Nessun commento:

Posta un commento

Rispondi indicando il tuo nome