Per contatti: pianopartecipato@libero.it - fax 0623316920 posta: via Stazione di Ottavia 73B Roma. Leggi qui: Lo Statuto


martedì 13 ottobre 2015

Quali sono le buone banche? Alcune cose da sapere..

Lo sapevate che ci sono nuove normative sulle banche? Vorreste sapere se la vostra banca è conveniente o se è meglio cambiare banca?
Anzitutto diciamo che da qualche mese si può cambiare banca in 12 giorni. Se avete solo un conto corrente senza titoli o carta di credito. Altrimenti è un po' di più.
 Questi sono i passaggi:
1) Si chiede alla nuova banca il trasferimento dei servizi connessi al conto originario e la sua chiusura;
2) Entro 2 giorni lavorativi la nuova banca chiede alla banca originaria le informazioni utili;
3) Entro 5 giorni la banca originaria trasmette a quella nuova le informazioni sui servizi da trasferire; 4) Entro 5 giorni la banca nuova trasmette ai pagatori i bonifici e ai beneficiari gli addebiti dalle coordinate del nuovo conto e inizia ad attivare i servizi trasferiti;
Dal 13° il vecchio conto è chiuso.
Ma vediamo come si può distinguere una banca buona da una meno buona?

Cosa è l'ISC ?
L'Indicatore Sintetico di Costo annuo del vostro conto corrente non è facile da individuare ma lo trovate sull'estratto conto di fine anno. La media di questo indicatore è 82 euro l'anno per i giovani,
89, 122 e 124 per famiglie con bassa, media e alta operatività.
Per i pensionati che usano poco la banca è 71, mentre è 112 per quelli che la usano di più.

Quali sono gli elementi positivi da valutare per riconoscere la buona banca:
a) Se il prelievo dal bancomat di altre banche costa meno di 1,5 euro ;
b) Se il prelievo di contante allo sportello costa zero;
c) Se il bonifico in contanti costa meno di 5 euro;
d) Se il rendimento del tuo conto supera lo 0,2%;
e) Se vai in rosso senza fido e il tasso è meno del 16%;
f) Se paghi la bolletta con la domiciliazione zero euro
h) Se la banca favorisce la surroga del mutuo;
i) Se un bonifico online costa meno di 1 euro;
k)Se il conto per famiglia costa meno di 125 euro l'anno;

Dovete sapere che pagare le bollette in banca in contanti costa fino a 5 euro. Pagare in  banca le tasse comunali costa da 2,7 fino a 6 euro.

Un'ultima cosa che vorremmo far sapere è l'esistenza di un difensore civico degli utenti delle banche: si tratta del cosiddetto Ombdusman giurì bancario al quale si possono indirizzare reclami relativi a comportamenti scorretti o dubbi degli istituti di credito.
Per fare un reclamo si procede in questo modo: Innanzitutto presentare un “reclamo” all’Ufficio Reclami della  propria banca, che nel termine previsto dovrà far sapere se accoglie o meno il reclamo. Qualora il cliente non sia soddisfatto della risposta dell’Ufficio Reclami, o non riceva risposta nei termini previsti, può ricorrere, entro un anno dal reclamo, all’Ombudsman che decide entro 90 giorni, termine che può essere prolungato per avere la documentazione necessaria alla decisione.
Il ricorso all’Ombudsman – totalmente gratuito - non priva il cliente del diritto di rivolgersi in qualsiasi momento all’Autorità giudiziaria.
La sede centrale è a Roma in via delle Botteghe Oscure 54 – 00186. Tel. 06674821 -  E mail: associazione@conciliatorebancario.it .

Associazione culturale Lucchina e Ottavia



Nessun commento:

Posta un commento

Rispondi indicando il tuo nome