Per contatti: pianopartecipato@libero.it - fax 0623316920 posta: via Stazione di Ottavia 73B Roma. Leggi qui: Lo Statuto


lunedì 22 febbraio 2016

"Specchio delle mie brame.." Sosta filosofica alla stazione di Ottavia


Proseguono gli incontri mensili della Sosta Filosofica presso la Stazione ferroviaria di Ottavia nei locali del SOSE.
La prossima "Sosta" si terrà giovedì 25 febbraio con appuntamento alle ore 18.15 e inizio puntuale alle ore 18.30. 
Modera la filosofa Laura Capogna.
Questo appuntamento riguarda una riflessione sull'identità, alterità e vita di relazione, come da locandina che accompagna questa pubblicazione.

Il grande poeta Eugenio Montale scriveva in una delle sue opere:
 "..Non domandarci la formula che mondi possa aprirti,
sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.
Codesto solo oggi possiamo dirti,
ciò che non siamo, ciò che non vogliamo".

Una parafrasi per significare: Non domandarci  la formula magica o scientifica che possa darti una piena conoscenza della realtà e certezze sulle quali basare la tua esistenza ma solo qualche parola incerta e scarna, solo questo oggi possiamo dirti: ciò che non siamo e ciò che non vogliamo. Una poesia che non ha verità da rivelare, e che non può che avere quindi una forma essenziale.
Si potrebbe dire che la "Sosta Filosofica" alla Stazione di Ottavia parte da basi analoghe perchè il filosofo che interviene nel dialogo non parla più di quanto non faccia parlare gli altri, e questo perché il dialogo tra i presenti altro non è se non un tentativo di trovare insieme una risposta alla domanda d’apertura. E la risposta non è mai una, ma ne escono fuori diverse; di più: che la risposta, spesso, non c’è o, se c’è, apre nuove domande. 
E dà voglia di rinnovare l’incontro, di prolungare il dialogo, per continuare a cercare risposte. 

Ci piace concludere con una frase attribuita ad una figura leggendaria della filosofia cinese, Lao Tzu, sulla cui reale esistenza ancora oggi si discute:
"Chi conosce gli altri è sapiente; chi conosce sé stesso è illuminato" 

Vi Aspettiamo.

Associazione culturale Lucchina e Ottavia

Nessun commento:

Posta un commento

Rispondi indicando il tuo nome